“Sei il mio sole anche di notte” di Amy Harmon – Recensione

book by:
Amy Harmon
Version:
Ebook
Price:
3,99 €

Reviewed by:
Rating:
4
On Aprile 25, 2018
Last modified:Aprile 25, 2018

Summary:

Dall'autrice best seller Amy Harmon, un'altra bellissima storia d'amore che sarà capace di farvi ridere, portarvi sull'orlo delle lacrime e restituirvi la speranza. Un romanzo toccante e commovente, che saprà farvi emozionare fin dalla prima pagina.

Ciao a tutte, ragazze e buon mercoledì; vi do il bentornate sul blog per una nuova recensione!
Questa settimana vi parlerò del libro di un’autrice che, come forse avrete intuito dall’articolo della scorsa settimana, amo molto.

Ebbene sì, sto parlando di Amy Harmon, l’autrice di “Il segreto di Eva“, “Infinito + 1” e infine di “Hai cambiato la mia vita“, tutti e tre precedentemente recensiti sul blog. Oggi vi parlerò di “Sei il mio sole anche di notte”, un romanzo commovente che sarà capace di farvi emozionare.

Siete curiose di sapere di che cosa parla questo romanzo?
Continuate a leggere per scoprirlo 😉

Titolo: Sei il mio sole anche di notte

Autore: Amy Harmon

Data di Pubblicazione: 19 marzo 2015

Casa Editrice: Newton Compton Editori

Prezzo Cartaceo: 5,90 €

Prezzo Ebook: 3,99 €

Genere: Romanzo Young Adult

Trama: Ambrose Young è bellissimo, alto, muscoloso, con lunghi capelli che gli arrivano alle spalle e uno sguardo che brucia di desiderio. Ma è davvero troppo per una come Fern Taylor. Lui è perfetto, il classico protagonista di quei romanzi d’amore che Fern ha sempre adorato leggere. E lei sa bene di non poter essere all’altezza di un ragazzo del genere… Ma la vita a volte prende pieghe inattese. Partito per la guerra dalla piccola cittadina di provincia in cui i due giovani sono cresciuti, Ambrose tornerà trasformato dalla sua esperienza in prima linea: è sfigurato nei lineamenti e profondamente ferito nell’anima. Fern riuscirà ad amarlo anche se non è più bello come prima? Sarà in grado di conquistarlo? Saprà curarlo e ridargli la fiducia in sé?

Recensione

Quando la storia ha inizio, nel Settembre del 2001, Ambrose Young è la stella del liceo di Hannah Lake, Pennsylvania. Campione imbattuto della squadra di lotta, studente modello e ragazzo dal comportamento impeccabile, il giovane ha davanti a sé un luminoso futuro.
Fino a quando, improvvisamente, l’11 Settembre il mondo cambia per sempre: due aerei vengono dirottati e si schiantano contro le Torri Gemelle, i ragazzi del liceo di Hannah Lake assistono all’impatto del secondo aereo con la torre nord e al crollo della prima torre, seduti ai loro banchi. Ambrose guarda lo schermo senza dire niente e qualcosa dentro di lui muta, per sempre. Spinto dal desiderio di fare qualcosa, ma soprattutto dal bisogno di fuggire dalla cittadina in cui è cresciuto e dove il ragazzo viene idolatrato come un idolo, Ambrose decide di arruolarsi nell’esercito e convince i suoi migliori amici a fare lo stesso.
La notizia viene accolta con sgomento e timore dagli abitanti della città, e da Fern in modo particolare.
Fern Taylor, infatti, è innamorata di Ambrose Young fin da quando aveva dieci anni e nel corso del tempo il suo amore per il ragazzo non ha fatto altro che crescere, seppure la ragazza non sia mai riuscita a trovare il coraggio di confessargli i suoi sentimenti. Fern con i suoi capelli rossi e il viso cosparso di lentiggini, non crede di essere all’altezza di Ambrose e sembra essersi rassegnata all’idea di essere invisibile agli occhi del solo ragazzo da cui desidererebbe essere vista.

Si può appartenere a qualcuno che non ci vuole? Fern decise che era possibile: il suo cuore era di Ambrose, e che lui lo volesse o no non faceva molta differenza.

Tra i due vi è solo un momento fugace, poco prima che lui parta per il campo di addestramento. Un bacio dolce e intenso – il primo per Fern – che, una volta partito il giovane, archivierà nella sua memoria cercando di non pensare al significato di quel gesto.

Cercò di ammorbidire la bocca contro la sua, di chiederle scusa, ma lei restò impietrita tra le sue braccia, come se non potesse credere, dopo tutto quello che era successo, che lui pensasse di poterle spezzare il cuore rubandole anche un bacio.
«Mi dispiace, Fern», mormorò. «Mi dispiace tanto».
In qualche modo, quelle parole sciolsero il ghiaccio che il bacio aveva lasciato intatto, e Ambrose la sentì arrendersi con un sospiro alle sue labbra. Le mani di Fern risalirono fino ai suoi bicipiti, rispondendo al suo abbraccio, e la sua bocca si aprì, lasciandolo entrare. Delicatamente, temendo di distruggere la fragile seconda possibilità che lei gli aveva concesso, lui spinse la lingua verso la sua, lasciando che lei lo cercasse. Non era mai andato così con i piedi di piombo con una ragazza, non aveva mai avuto tanta paura di sbagliare. E quando lei si staccò la lasciò andare. Aveva gli occhi chiusi, ma le sue guance erano rigate di lacrime e le sue labbra sembravano ammaccate dove lui aveva inizialmente premuto troppo forte, nel disperato tentativo di cancellare la propria vergogna.

Due giorni dopo Ambrose parte per il campo di addestramento, per fare ritorno ad Hannah Lake per poco, prima della partenza della sua divisione per l’Iraq, dove la sua vita cambierà per sempre.

Al suo ritorno a casa, con il viso sfigurato e l’anima profondamente segnata dagli orrori della guerra, Ambrose rifiuta di uscire di casa e non permette a nessuno di fargli visita. Nessuno ha idea di che cosa gli sia successo, o di che cosa ne sia del ragazzo che un tempo tutti avevano ammirato per la sua bellezza e per il suo talento.

Fern è la prima persona a vedere il viso di Ambrose, e il ragazzo si sorprende quando capisce che la ragazza – oramai diventata una donna bellissima – non è disgustata dal suo aspetto e desidera stargli accanto, prendersi cura di lui.

L’amore non è amore se muta quando scopre un mutamento, o tende a svanire quando l’altro si allontana. Oh no! L’amore è un faro sempre fisso che sovrasta le tempeste e mai vacilla.     
Shakespeare. Ambrose avrebbe capito perché l’aveva scritto. Le aveva detto che era uno dei suoi sonetti preferiti. Che lo interpretasse pure come voleva. Forse avrebbe alzato gli occhi al cielo e si sarebbe preoccupato che lei iniziasse a seguirlo con la lingua penzoloni. O forse avrebbe capito cosa stava cercando di dirgli. L’affetto delle persone che gli volevano bene non sarebbe cambiato solo perché era cambiato il suo aspetto. Forse, l’avrebbe consolato sapere che certe cose rimangono le stesse.

Sebbene la narrazione sia in terza persona e i punti di vista proposti dalla voce narrante si alternino di volta in volta, riportando al lettore i pensieri e le emozioni di entrambi, Ambrose risulta essere il protagonista assoluto del romanzo.
Protagonista maschile della vicenda, Ambrose è un personaggio caratterizzato da una costruzione psicologica profonda e ben articolata. Fin dal primo momento in cui la voce narrante ci concede di accedere ai suoi pensieri ci accorgiamo che dietro l’immagine che tutti hanno di lui, si nasconde un giovane ragazzo che ha paura di fallire e di deludere tutti quelli che credono in lui.  
Un ragazzo che sceglie l’esercito per allontanarsi da casa e per fuggire dalle aspettative che la cittadina di Hannah Lake ha riposto in lui, ma che chiede ai suoi amici di seguirlo in quell’avventura.
Un ragazzo che cresce, diventa un uomo e comprende di aver commesso più di un errore, e che ad alcuni non può porre rimedio. Ambrose è un uomo che deve convivere con il peso delle conseguenze generate dalle sue scelte, e andare avanti nonostante il senso di colpa che grava su di lui. E trova in Fern ciò di cui ha bisogno per riuscirci.

I suoi pensieri tornarono a Fern. Temeva che se l’avesse lasciata avvicinare troppo, avrebbe fatto fatica a non toccare anche lei. Ed era sicuro che lei non lo volesse.

Fern, che all’apparenza può sembrare la tipica protagonista di un romanzo young adult, è contrariamente le aspettative una ragazza che dietro la sua fragilità cela una grande forza interiore.
Una ragazza dal cuore puro, buona e gentile, Fern è disposta a fare di tutto per le persone che ama ed è sempre pronta ad aiutarle, senza lamentarsi o chiedere nulla in cambio. Una donna capace di andare oltre alle apparenze e vedere la bellezza di Ambrose, nonostante il suo viso non sia più quello di un tempo e di amarlo per quello che è realmente.

«Perché?», le sussurrò, tenendo gli occhi fissi davanti a sé.
«Perché cosa?». Aveva parlato in tono leggero, ma c’era anche una nota d’imbarazzo.
Era evidente che non era affatto abituata a offrire biscotti agli uomini, che fossero brutti o meno. «Perché ti comporti come se fossi il vecchio Ambrose? Come se volessi che ti baciassi. Come se non fosse cambiato niente dai tempi di scuola».
«Alcune cose non sono cambiate», rispose lei piano.

Riuscirà Ambrose a perdonarsi per i suoi errori e a espiare le sue colpe? Permetterà a Fern di avvicinarsi, tanto da concedere alla ragazza di aiutarlo a lenire le sue ferite? Ambrose e Fern avranno il loro lieto fine?

Per saperlo non vi resta che leggere il romanzo e scoprirlo!

A presto,
Alessandra. ^-^

Compra il libro QUI!

Dall'autrice best seller Amy Harmon, un'altra bellissima storia d'amore che sarà capace di farvi ridere, portarvi sull'orlo delle lacrime e restituirvi la speranza. Un romanzo toccante e commovente, che saprà farvi emozionare fin dalla prima pagina.

Romantica, curiosa, lunatica. Romantica, curiosa, lunatica.

You may also like

Rispondi