I NOSTRI CUORI CHIMICI DI KRYSTAL SUTHERLAND – RECENSIONE ED EVENTO

Book by:
Krystal Sutherland
Price:
17,00 euro

Reviewed by:
Rating:
5
On Dicembre 8, 2016
Last modified:Gennaio 29, 2017

Summary:

Henry Paige è un diciassettenne che non si è ancora mai innamorato, ma le cose nella sua vita cominciano a cambiare quando incontra al liceo Grace Town. Lei è una ragazza velata di mistero, che cammina con un bastone e non sorride mai, ma ruberà il cuore di Henry che cercherà in tutti i modi di svelare quel qualcosa di strano che la avvolge. Un turbinio di emozioni vi accompagnerà durante la lettura di questo magistrale libro. Consigliato!

Buongiorno lettrici, sono Aurora e oggi vi voglio parlare di un romanzo speciale e dolce che vi entrerà nell’anima. “I nostri cuori chimici” è il racconto struggente e poetico della reazione chimica chiamata amore tra Henry Paige e Grace Town. Non voglio solo raccontarvi di questo meraviglioso libro, ma anche dell’evento che esso ha fatto nascere in piazza duomo a Milano Sabato 3 Dicembre. Siete pronti a farvi catturare dalla storia nata dalla penna di Krystal Sutherland? E allora cominciamo!

Ti hanno corrotto con questa stronzata che “l’amore è pazienza, l’amore è gentilezza” fin da quando eri piccolo. Ma l’amore è scienza. Voglio dire, si tratta solo di una reazione chimica nel cervello. A volte la reazione dura una vita, ripetendosi costantemente. Altre no. Altre si trasforma in una supernova e inizia a spegnersi. Siamo solo dei cuori chimici. Questo rende l’amore meno folgorante? Non penso.

TITOLO: I nostri cuori chimici

AUTORE: Krystal Sutherland

CASA EDITRICE: Rizzoli

PREZZO CARTACEO: 17 euro

PREZZO EBOOK: 9,99 euro

GENERE: Young adult

TRAMA: Henry Paige ha 17 anni, frequenta il liceo Westland High e non si è mai innamorato. La colpa probabilmente è la sua concezione romantica di grande amore, perciò cerca la persona giusta con cui condividerlo, senza farsi distrarre dalle cotte tipiche della sua età. Nemmeno quando vede per la prima volta Grace Town pensa che potrebbe essere lei la ragazza giusta. Grace è schiva, vestita con abiti maschili di parecchie taglie più grandi della sua e zoppica vistosamente appoggiata a un bastone. Henry e Grace si ritrovano a lavorare assieme al giornale della scuola e molto presto tra loro scatta un’amicizia che col tempo si trasformerà in qualcosa di più. Tuttavia, Grace ha qualcosa di rotto dentro e per Henry diventa ogni giorno che passa sempre più un mistero lei e come farle tornare il sorriso. Fino a quando la rete gravitazionale che Grace proietta su di lui si fa sempre più soffocante e Henry capirà che il grande amore non è quella cosa perfettamente romantica che si aspettava.

Mi addormentai, (…), pensando a Grace Town e a come, se le persone erano veramente un assemblaggio di pezzi dell’universo, la sua anima fosse fatta di caos e polvere di stelle.

RECENSIONE

Che dire ragazze, un romanzo intelligente, brillante, profondo, una lettura che dovete per forza mettere nella wish list! La Sutherland fa uscire dalla sua penna un universo di personaggi incredibili e crea delle atmosfere che vi rapiranno, credetemi. Il linguaggio è vivo, attuale, sporco alcune volte, ma perfetto. Emozionante.

Henry, protagonista e voce narrante ha un carattere d’oro, è visceralmente un romantico ed è intelligente, un po’ goffo, timido e sensibile. Sa scrivere meglio di quanto sappia parlare e, infatti il romanzo, strutturato come se fosse un diario, è pieno di riflessioni sagaci e poetiche sulle esperienze che vive che, credetemi, non vedrete l’ora di sottolineare per tenerle a mente. Henry ha sarcasmo e autoironia, ha le sue bizzarre passioni, i suoi fantastici amici e la sua adorabile famiglia.

Henry Paige ha tutto, ma non ha l’amore di una ragazza.

Grace Town non ha il sorriso, non ha vestiti della sua taglia, non ha amici a scuola e non ha una gamba funzionante. Grace, però ha la capacità di attrarre Henry come una calamita col ferro e, complice il giornale scolastico, si troveranno spesso a dividere spazio e idee legandosi sempre più indissolubilmente. Grace è una ragazza difficile, schiva, perfino assente alcune volte, ma soprattutto è irrimediabilmente spezzata dentro. Henry, innamorato, non capisce né la profondità delle ferite di lei, né il mistero che la avvolge come un guanto e vuole riuscire ad essere l’artefice della sua rinascita, vuole vederla sorridere ancora e vuole che lei lo riesca ad amare.

In quel momento capii che Grace Town era una scheggia di vetro con cui avrei continuato a ferirmi se mi fossi fatto coinvolgere, e che il viaggio lungo quella strada sarebbe stato marchiato di tristezza, dolore e gelosia.

È difficile farsi piacere il personaggio di Grace quando Henry le dà il suo amore, le dà innumerevoli motivi per tornare a galla e amare e lei, in cambio, butta solo delle piccole briciole di sentimento. Il dolore e la frustrazione di Henry per la disparità dei sentimenti si trasformano nei nostri e l’empatia ci fa scivolare qualche lacrima lungo le guance.

Un’altra cosa meravigliosamente riuscita di questa storia sono i personaggi secondari: ho amato Lola (anzi, penso sia proprio il mio personaggio preferito!) e la sua ironia pungente e disillusa, ma anche la sua devozione per il bene degli amici e la sua fedeltà in quello che crede; Murray, colui che chiude il terzetto di amici, è un ragazzo assurdo e per questo unico. E ultima, ma non per importanza, Sadie, la sorella di Henry. Un personaggio fondamentale anche se secondario, di una schiettezza inesorabile e toccante, davvero uno dei personaggio più riusciti ai quali non potrete non affezionarvi.

Sono un neuroscienziato di 29 anni e sto aiutando il mio delinquente fratello adolescente a spiare la sua cotta claudicante. Che cosa è andato così radicalmente storto nella mia vita?

Il finale, come tutto il romanzo, non disillude, perché tutte le storie d’amore hanno la loro giusta fine, anche questa.

Scoprire il finale è stato emozionante non solo per l’intensità della storia narrata, ma anche perché è stato fatto assieme ad altre tantissime e splendide ragazze che con me, Ilaria e Gina hanno letto gli ultimi tre capitoli in Piazza Duomo a Milano sabato 3 Dicembre alle 15.30. Questo evento è stato possibile grazie al meraviglioso lavoro svolto da TeamWorld, in particolare da Serena e Vittoria, che ne hanno permesso la realizzazione. Siamo scese in piazza con un libro in mano per dimostrare che i giovani leggono e che la lettura è un piacere sconfinato che regala emozioni uniche. E condividerle è bellissimo.

Rinnovo un ringraziamento speciale a Ilaria e alla sua passione per quello che fa e per trasmetterla a tutti noi e  per cercare sempre di coinvolgerci, e a TeamWorld per l’impegno e la dedizione messi, affinché il progetto si realizzasse nel migliore dei modi.

Per finire, se state cercando un libro che vi faccia emozionare date a “I nostri cuori chimici” una possibilità e non ne rimarrete deluse. E armatevi di matita, vi servirà a trattenere nella mente e nel cuore alcune frasi speciali.

Ora vi lascio col video realizzato da Ilaria che racchiude la magia del pomeriggio passato assieme… fatevi emozionare!

Compra il libro QUI

Baci,

Aurora

Henry Paige è un diciassettenne che non si è ancora mai innamorato, ma le cose nella sua vita cominciano a cambiare quando incontra al liceo Grace Town. Lei è una ragazza velata di mistero, che cammina con un bastone e non sorride mai, ma ruberà il cuore di Henry che cercherà in tutti i modi di svelare quel qualcosa di strano che la avvolge. Un turbinio di emozioni vi accompagnerà durante la lettura di questo magistrale libro. Consigliato!

You may also like

Rispondi