“Mai baciare un uomo con una renna sul maglione” di Debbie Johnson – Recensione

Book by:
Debbie Johnson
Price:
€12.90

Reviewed by:
Rating:
4
On Dicembre 6, 2016
Last modified:Dicembre 6, 2016

Summary:

Dopo tantissime vostre richieste, finalmente oggi parliamo di un romanzo che ha quell'atmosfera natalizia che noi, piccole aiutanti di Babbo Natale, amiamo tanto.
Un bel giorno la nostra Meggie si scontra in bici con Marco, mandandolo direttamente all'ospedale. Ma non tutto sarà completamente un disastro, perché Maggie si ritroverà a dover fare da infermiera a quell'uomo, che indossa senza vergogna un maglione con una gigantesca renna sopra.
Cosa succederà ai nostri protagonisti quando si ritroveranno a passare numerosi giorni a stretto contatto?

Buongiorno fanciulle <3

Preparate il vostro plaid preferito e una cioccolata calda, perché oggi entreremo proprio nel mood natalizio con un nuovo romanzo firmato Harper Collins, scritto da Debbie Johnson, intitolato “Mai baciare un uomo con una renna sul maglione”. Venite con me a conoscere Maggie e Marco…

Titolo: Mai baciare un uomo con una renna sul maglione

Titolo originale: Never kiss a man in a Christmas jumper

Autore: Debbie Johnson

Editore: Harper Collins

Prezzo cartaceo: €12,90

Prezzo ebook: €4,99

Genere: Romanzo contemporaneo

Trama: Maggie è una madre single e per lei Natale è sempre stato un’occasione per stare in famiglia, con la figlia Ellen che riempie la casa di addobbi, il padre Paddy che festeggia con un bicchierino di troppo e l’albero dall’inquietante aspetto di un elfo ubriaco. Ma quest’anno sarà diverso, perché Ellen e Paddy saranno via per le vacanze e per Maggie si prospetta un Natale solitario tutt’altro che gioioso. Finché, pedalando per le strade innevate di Oxford, Marco Crivelli non va a sbatterle contro, entrando così di prepotenza nella sua vita, e nella sua casa, con tanto di gamba ingessata. Be’, a Natale non sarà sola, dopotutto, ma farà da crocerossina a un fusto tutto pepe. Anche se ha sempre pensato che fosse una verità universalmente riconosciuta che non si deve mai baciare un uomo che indossa maglioni di Natale. O sì? 

“Insomma, mamma!” esclamò Ellen, trafiggendola con uno sguardo dei suoi occhi verdi. “Ci sei cascata anche tu! Sei disgustosa, datti un contegno, ti stai comportando come se non avessi mai visto un uomo in vita tua!”

“Be’, tesoro mio, è la prima volta che mi capita di mettere gli occhi su un tipo come quello. Ed evidentemente tu non hai mai visto “Il diario di Bridget Jones”: un uomo con indosso un maglione natalizio può rivelarsi una vera forza della natura.”

Recensione

Dopo tantissime vostre richieste, finalmente oggi parliamo di un romanzo che ha quell’atmosfera natalizia che a noi piccole aiutanti di Babbo Natale amiamo tanto. La Johnson ci catapulta ad Oxford, e tra giochi di luci e alberi addobbati ci fa conoscere i nostri protagonisti: Maggie e Marco.
La nostra Lei è una madre single. Non ha mai avuto una vita semplice, si è trovata a rimboccarsi le maniche a sedici anni, a crescere una figlia e a dover tenere sulla retta via suo padre che alzava il gomito ogni giorno, dopo la morte della moglie. Non si è mai dedicata molto a se stessa, se non per essere riuscita a trasformare un suo hobby in una professione; infatti crea abiti da sposa di cui va molto fiera.
Un bel giorno sfortunatamente fortunatamente si scontra in bici con Marco, mandandolo direttamente all’ospedale. Ma non tutto sarà completamente un disastro: Maggie si ritroverà a dover fare da infermiera a quell’uomo, che indossa senza vergogna un maglione con una gigantesca renna sopra. Così Marco si trasferisce a casa sua, con la sua gamba ingessata, ma anche con la sua bellezza mozzafiato e il suo umorismo che fa ridere profondamente la nostra Maggie.

Maggie gli sorrise di rimando, ma entrambi rimasero in silenzio. A volte succedeva così. O scherzavano o rimanevano in silenzio, come se fra loro non ci fosse bisogno di parlare. Stare insieme era sufficiente.

Il nostro protagonista è molto simpatico. Con quel maglione, indovinate un po’ chi mi ha ricordato? Ebbene sì, il nostro Mark Darcy, de “Il diario di Bridget Jones”. Indossa numerosi maglioncini natalizi solo per rendere felice il nipote. Con Maggie è molto dolce, sembra un ragazzino. Non sa come comportarsi anche se di donne,in passato, ne ha avute a bizzeffe.
I loro momenti insieme sono molto teneri, ed entrambi riescono ad aprirsi, raccontando quella parte della loro vita che non li rende felici. Così facendo, riescono ad aiutarsi a vicenda.

Maggie rappresenta a pieno quell’insicurezza scaturita dall’essere una madre single. Per lei tutto è una novità, essendo rimasta incinta a sedici anni e non avendo avuto alcuna storia d’amore nella sua vita.
Così, si ritrova ad arrossire di fronte alle frasi dolci di Marco, è confusa riguardo i suoi sentimenti, si ritrova a provare delle emozioni che non conosceva e che non aveva mai provato.
Mi è piaciuto il suo personaggio, ho apprezzato la sua ironia e la sua dolcezza, ma anche quel suo lato insicuro e bisognoso d’amore.

Il romanzo parte subito col botto: col famoso incontro – scontro tra i nostri protagonisti. Devo dire che il ritmo della narrazione è molto incalzante e veloce e sicuramente la storia, anche se scontata, non vi annoierà.

“Sei molto silenziosa” le disse infine, sporgendosi in avanti per posarle una mano sul ginocchio.

“Mi piace giocare a fare la misteriosa” rispose lei prendendogli la mano e guardandolo con quei suoi occhi verdi accesi da una scintilla. “Mi do un tono. Non sono come Leah o Ellen, non sono il tipo di donna che viene notata. Non illumino la stanza. Diciamo che riesco a non farmi captare dal radar.”

“Be’, questo dipende da chi c’è con te nella stanza” le disse lui stringendole la mano. “Per quando mi riguarda tu la illumini eccome, tesoro.”

L’atmosfera natalizia fa da sfondo alla storia che ci viene raccontata, rendendo tutto, a mio avviso, molto più romantico. Sicuramente se amate questa festività, la neve, gli alberi addobbati, le luci che rendono la città magica, questo romanzo fa al caso vostro.

A “Mai baciare un uomo con una renna sul maglione” do 4 stelline e non 5, perché credo sia una bella storia, molto dolce, con dei personaggi ben caratterizzati, ma non una storia indimenticabile.
Mi è piaciuto, ma non mi ha fatto emozionare come avrei voluto, forse perché è stato tutto troppo prevedibile. Avrei preferito un po’ di mistero o qualche scossa che avesse creato un po’ di scompiglio.

È comunque una lettura che vi consiglio, che vi terrà compagnia in queste giornate fredde.
D’altronde ragazze, Natale e amore sono un connubio perfetto non trovate?

COMPRATE IL LIBRO QUI

Un bacio,

Erica

Dopo tantissime vostre richieste, finalmente oggi parliamo di un romanzo che ha quell'atmosfera natalizia che noi, piccole aiutanti di Babbo Natale, amiamo tanto. Un bel giorno la nostra Meggie si scontra in bici con Marco, mandandolo direttamente all'ospedale. Ma non tutto sarà completamente un disastro, perché Maggie si ritroverà a dover fare da infermiera a quell'uomo, che indossa senza vergogna un maglione con una gigantesca renna sopra. Cosa succederà ai nostri protagonisti quando si ritroveranno a passare numerosi giorni a stretto contatto?

You may also like

Rispondi